Notícias



Busca

Pesquisa personalizada





Usina de Soluções Tecnologia da Informação

 

 

História da Família Costa

 

 

 

COSTA: Existem duas cepas. Uma portuguesa e outra italiana. A de origem portuguesa identificou uma família da nobreza medieval lusitana que poderá derivar de um protonotário apostólico que viveu em Portugal nos princípios do século XIII, de origem grega e denominado Nicolau Kosta. Outros autores o dizem de mais remotas origens e o dão por usado no tempo de D. Afonso Henriques, afirmando alguns que deriva da designação da Quinta da Costa, na comarca de Guimarães. Mas nem todos os do apelido têm a mesma origem, pelo que deve haver diversos solares, que se ignoram quais sejam. O topônimo Costa é bastante vulgar, o que explica a quantidade de pessoas de igual apelido. No caso toponímico, o apelido pode por exemplo, de alguém que morava na costa. Talvez ainda possa derivar do latim "costa" (costela) aplicado metaforicamente na orografia (relevo), como encosta, aclive de montanha. Neste caso, o sobrenome designaria um cidadão que reside numa encosta. No caso de alcunha, pode derivar de alguém com as costas largas, corcundo ou até mesmo com alguma cicatriz nas costas.

D. João Ribeiro Gaio, bispo de Malaca, dedicou-lhes os versos seguintes: A quem quebrou a espada com costas se defendeu, seu inimigo venceu, houve sua namorada posto que também morreu. A mais antiga linha de Costas que se encontra devidamente documentada é a da varonia de Martim Gil Pestana, escudeiro nobre que viveu em Évora na segunda metade do século XIV e que se estende até finais do século XIII. Assim sendo, a chefia destes Costas, se não a de todos eles, veio a cair na Casa dos Silveiras, Condes da Sortelha. O ramo dos Costas ditos senhores de Pancas, derivado colateralmente do célebre cardeal D. Jorge da Costa, dos Costas de Alpedrinha, partiu aquelas armas com o «corpo» da empresa daquele purpurado. De mencionar que, na opinião fundamentada de certos heraldistas, as costas destas armas não são a representação de ossos mas sim de um tipo de facas de sapateiro de lâmina curva e sem ponta, precisamente designadas de «costas».

Armas:

De vermelho, seis costas de prata postas em três faixas e dispostas em duas palas, firmadas nos flancos do escudo. Timbre: duas costas de prata passadas em aspa e atadas de vermelho. Costas de Alpedrinha: de azul uma roda de Santa Catarina de ouro, armada de prata. Timbre: o dos Costas.
Fonte: Adaptado de http://www.orcosta.net/g/costas.htm

A cepa italiana é de Casal Fiumanese, próximo a Ímola. O ancestral da Família Thom de Souza da cepa italiana é Virginia Costa nascida por volta de 1810 em Casal Fiumanese. A origem deste sobrenome é explicada em italiano a seguir:

Diffuso moltissimo in tutt'Italia, dovrebbe derivare da soprannomi originati da toponimi quali: Costa (TV), Costa Calcinara (PD), Costa d'Arcevia (AN) e tantissimi altri. integrazioni fornite da Stefano Ferrazzi Sull'origine del cognome Costa, in realtà, confluiscono per lo meno due ipotesi, che, sommate l'una all'altra, ne giustificano l'altissima frequenza nell'intero paese. Da una parte, infatti, la toponomastica ha sicuramente avuto un ruolo determinante nella formazione del cognome, data la grande quantità di toponimi formati dalla radice costa (a dire il vero, se ne riscontrano per lo più nel nord Italia, ma questo non esclude un'origine topografica anche per le famiglie Costa del sud, ad indicare cioè la conformazione del territorio da cui provenivano i capostipiti): il termine costa, infatti, non indica soltanto il litorale marino, ma anche la riva di un fiume, di un lago o ancora la fiancata d'un monte e questo spiega allora la vasta diffusione del cognome anche nell'entroterra del paese. Passando, invece, alla seconda ipotesi, va detto che in molti casi il cognome Costa deriva dal nome greco Costas o Kostas, nato per apocope dal nome Konstantinos (il latino Constantinus, diminutivo di Constans, col significato di fermo, costante; cfr. Fermo e Durante); la diffusione di questo nome nell'intera Europa (per lo più continentale) è dovuta soprattutto alla figura di Costantino il Grande (272 d.C. - 337 d.C.), il primo imperatore cristiano dell'Impero Romano (in suo onore Bisanzio venne rinominata Costantinopoli). Va detto, allora, che quest'ipotesi d'origine onomastica può essere applicata soprattutto alle famiglie Costa meridionali, in seguito all'antica presenza delle colonie della Magna Grecia (che ha molto influito sulla formazione di parecchi cognomi del sud), ma non è affatto escluso che il nome Costa fosse usato anche nel nord e nel centro nord del paese (come avviene nei casi dei nomi greci di lunga tradizione). In conclusione, dunque, Costa deriva dalla cognominizzazione o di soprannomi d'origine toponomastica o dei nomi personali dei capostipiti. integrazioni fornite da Giuseppe Concas COSTA: è un cognome largamente diffuso in tutta Italia, ma a secondo della Regione in cui è presente, assume diversi significati, riconducibili comunque alla stessa radice nominale e alla stessa etimologia, che ha come base il latino costa. In italiano costa è sinonimo di costola, fianco, lato, riga orizzontale, dorso, bordo, nervatura, costiera, riviera, etc. Anche in sardo assume, per lo più gli stessi significati dell'italiano. Nei cognomi sardi però solitamente significa altura, costa de monti (fianco della montagna), tanto è che nei documenti antichi della lingua sarda è preceduto sempre da "de", ad indicare la provenienza. In tutta la Sardegna è inoltre frequente come toponimo. Tra i firmatari della Pace di Eleonora LPDE del 1388, figurano: Costa (de) Petro, ville Selluri (** Selluri - Sedduri - Seddori: odierno Sanluri. Et ego Capula Marcus .sindicus, actor et procurator ville Selluri.seu a Petro De Castay, locuntenente capitanei et Margiano Costa, locuntenente potestatis terre Selluri et omnibus habitatoribus dicte terre, congregatis. X die januarii 1388); Costa "de" Joannes, ville Algueri. (** Ville Algueri.odierno Alghero. Camella Bernardus, Bos Franciscus, Ferret Anthonius sindici, actores et procuratores.et nos, superius nominati: Serra (de) Thomas, major camere; Pancie Comita, sub cancellarius; Caso Anthonio procuratores.et singulos homines civitatum Sasseri et Ville Ecclesiarum ac loci Telluri et locorum Mole de Posata et Iscle de Galtelì ac Contrate de Baronia .et ego De Vieri Jacobus praedictus tutor et curator datus et etiam adsignatus nobili Mariano filio (di Eleonora e Brancaleone Doria). Fideiussores Donnum De Villa Gonnarium et Donnum Musca Bartholomeum, cives Aristanni. Presentibus: Marinella Torbino, Polvirella Anthonio, Sirgo Barçòlo, civibus Aristanni. In die vigesima mensis Januarii, anno millesimo CCCLXXXVIII - 1388). Nella storia ricordiamo: Costa Enrico (Sassari 1841 - 1909), scrittore, letterato e giornalista. Fu amministratore e archivista del Comune di Sassari. Le sue opere più importanti sono: "l'Archivio del Comune di Sassari" e molte altre note e numerosi articoli, sulla sua città, ma l'opera maggiore è "Sassari - storia, tradizione, personaggi", dalle origini fino al 1885. Ricordiamo inoltre: Costa Vittorio Amedeo, balio e conte della Trinità, vicerè di Sardegna dal 1755 al 1758; Costa Francesco Luigi, balio e conte della Trinità, vicerè di Sardegna dal 1763 al 1767. Attualmente il cognome Costa è presente in 2560 Comuni, di cui 59 in Sardegna: Cagliari 235, Nuoro 92, Sassari 80, etc. Nella penisola è Roma ad avere il numero più alto con 1411; seguono: Genova 1237, Milano 998, Torino 755, Napoli 445, etc. In Sicilia Messina ne conta 1208, Palermo 1166, etc.

 

Voltar